Scene da un matrimonio…andaluso

P1040249P1040247 P1040255   P1040263
Ogni tanto capita, durante un viaggio, di incappare in qualche fuori programma, tipo una sagra, una processione, una funzione che non potevamo immaginare di incontrare. Questa volta, a Marbella, girellando per le viuzze, siamo stati attirati dal canto flamenco che arrivava da una chiesa. La macchina blu, adorna di fiori, non lasciava spazio a dubbi. un matrimonio. Girando intorno alla chiesa ci siamo trovati davanti ad un corteo di carrozze e cavalli che aspettava gli sposi. Incuriositi siamo entrati. la cerimonia stava per terminare, così ci siamo mescolati alla folla e abbiamo aspettato.
Gli invitati, molto eleganti, hanno cominciato ad uscire, a distribuire il riso da lanciare e le damigelle, tutte vestite di rosa corallo, hanno fatto ala agli sposi reggendo fiori intrecciati in lunghi steli.
Abiti lunghi, coloratissimi, in pizzo,chiffon o paillettes, pettinature complicatissime e stravaganti cappellini, degni di una corsa ad Ascot, tacchi, pochette dorate, gioielli…tutto in una volta per una eleganza forse un po’ carica per i nostri gusti . I mariti indossavano abiti scuri e la cravatta era dello stesso colore del vestito della consorte.
La madre della sposa indossando la mantiglia, quel copricapo in pizzo sorretto da un pettine in tartaruga o madreperla, sempre vista solo nei quadri di Goya, ci riportava a tempi remoti.
Terminati i baci e gli abbracci di rito a parenti ed amici, gli sposi sono saliti in carrozza, uno splendido tiro a quattro, con i cocchieri in divisa tradizionale, scortati da quattro cavalieri che montavano cavalli arabi. Le carrozze dei genitori chiudevano il corteo.

P1040266P1040267

P1040254P1040280


Leave a Reply

Your email address will not be published.